Usiamo proprie e di terze parti cookie per migliorare i nostri servizi e mostrare la pubblicità relativa alle proprie preferenze, analizzando le loro abitudini di navigazione. Se continui a navigare, consideriamo che accetti il ​​suo utilizzo. È possibile modificare la configurazione o ottenere maggiori informazioni qui.
LA STORIA DELLA SEDIA IN PLASTICA EAMES
Condividi questo post

LA STORIA DELLA SEDIA IN PLASTICA EAMES

L'idea di questa leggendaria sedia di plastica è nata in 1948 per il concorso << Design di mobili a basso costo >> (design di mobili low cost) organizzato dal Museum of Modern Art. In 1951, l'uso della fibra di vetro con forme organiche ha rivoluzionato la produzione di mobili del tempo e ha dato origine alla prima sedia in plastica prodotta in serie. Per questo, hanno scoperto alcune caratteristiche che presumevano un inversione di tendenza all'estetica e al modo di pensare del tempo nel settore del mobile: da un lato modellabili, rigidi e resistenti dall'altro, ideali per i sistemi di produzione industriale, una vera scoperta che è durato nel corso degli anni.

Uno dei motivi del suo successo è che la sedia in plastica è prodotta in un'ampia varietà di colori per l'alloggiamento, le basi e le diverse opzioni di rivestimento. Per interni ed esterni, con o senza braccioli e con più di 60 anni di vita, questa icona di Vitra si adatta a tutti i tipi di ambienti: sale da pranzo, uffici, cucine, salotti, bar, ristoranti, terrazze e giardini. In breve, rendilo un pezzo essenziale in ogni occasione

Charles e Ray Eames, che sono tra i più importanti designer americani di questo secolo, sono meglio conosciuti per il loro contributo innovativo all'architettura, al design di mobili, all'industrial design e alla produzione, e all'arte fotografica. Hanno sviluppato un'intera famiglia di prodotti, il Eames Plastic Group, che ancora oggi continua a servire da modello per un gran numero di progetti.

Attualmente, l'azienda svizzera Vitra fabbrica esclusivamente per l'Europa i disegni del matrimonio. Nei mobili Naharro puoi trovare tutte le sue creazioni.